Spaccatura della maggioranza in Zona 5

Ieri, lunedì 29 ottobre, il Presidente della nuova commissione di Zona 5 Ambiente, Arredo Urbano, Mobilita‘, ha presentato le sue linee programmatiche  e il suo metodo di lavoro. Immagino Vi stiate chiedendo come possa essere ‘nuova’ una commissione di tale valenza.  Bhe, cari lettori, dovete sapere che  fino ad un mese fa esisteva la Commissione Parchi, Agricoltura, Ambiente, Arredo Urbano, Mobilita’ , la quale ora ha dovuto essere modificata a causa dell’ex Presidente, Cons. Garufi, Rifondazione comunista.

Tale Consigliere, infatti, a distanza di un anno e mezzo, si è accorto che i temi della vecchia commissione non erano realmente di suo interesse e che gli mancava il tempo per poter gestire tutto da solo. Così la maggioranza, per accontentare il capriccioso collega, ha deciso di creare un’apposita commissione a termine da destinargli, chiamata Parchi, Agricolutura.

O almeno cosí dicono sia andata.

In realtà, chi vive il Consiglio quotidianamente immagina chiaramente il reale motivo di tale decisione: il Consigliere di Rifondazione si è dimostrato in più occasioni discorde con alcune proposte da parte della Presidenza su vari temi, è stato spesso evidentemente di intralcio per il PD (Partito cosiddetto “democratico”). E per questo spesso la maggioranza in Zona si è dimostrata “spaccata”, anche durante alcuni Consigli ufficiali.

Ovviamente, tra i temi trattati ieri dal nuovo Presidente Cons. Duina, è stato inevitabile accennare ad uno dei nuovi e principali progetti della giunta rossa (arancione per i daltonici): parcheggi a strisce blu in tutta Milano.

Che bello, una tassa in più da pagare!

Quindi, ricapitolando… Se voglio entrare a Milano sono costretta a pagare 5 euro per Area C + 2 euro\ora x 9 ore lavorative = 23 euro; se, invece, voglio parcheggiare fuori dalla cerchia a pagamento e prendere i mezzi pubblici, sono costretta a pagare… 2 euro\ora x 9 ore lavorative + 3 euro di biglietto… 21 euro!

Lascio a Voi il calcolo mensile…

Poveri milanesi, destinati per altri 3 anni e mezzo a subire gli abusi di persone che si auto-definiscono ‘difensori dei ceti inferiori’ …

E sarà sempre peggio.