Continuano i regali agli amici degli amici

Nella seduta consiliare di giovedì 27 settembre  il Popolo della Libertà, l’opposizione tutta e l’esponente dell’IDV che siede in Consiglio di Zona 7 hanno votato contro la proposta presentata da Italia Nostra per la riqualificazione della cava Ongari-Cerutti. Ritengo che debba essere prima fatta chiarezza su quanto accaduto lo scorso agosto, riferendomi agli incendi di probabile origine dolosa divampati nell’area naturalistica. Sono in corso accertamenti da parte dei tecnici di ARPA per verificare la contaminazione dell’area prodotta dall’amianto emerso. Successivamente dovrà essere aggiornato il piano di caratterizzazione dell’area Ongari-Cerutti, per poi indire regolare bando di gara (come insegna l’affaire SEA-Gamberale…) per eventuali bonifiche e valutare i progetti concorrenti.
Il Parco delle Cave è un patrimonio dei milanesi e l’area in questione necessita di interventi di manutenzione non rimandabili, ma è indispensabile che ci sia condivisione con gli altri soggetti operanti nel parco, come previsto dalle linee guida stipulate in passato anche da Italia Nostra. È necessario che il responsabile del Parco delle Cave, Cesare Salvetat, convochi quanto prima il tavolo di lavoro come definito dal modello di gestione del parco.
Non ho alcuna pregiudiziale contro Italia Nostra, che mi riferiscono essere eccellenza nel suo campo, ma mi risulta quanto meno ambiguo il metodo con cui è arrivato sui nostri banchi un unico progetto presentato da chi, per i più maliziosi, sembra essere vicino al centro sinistra e per far seguito a “promesse elettorali” agli amici degli amici.
Stiamo valutando azioni legali per tutelare i frequentatori del Parco delle Cave perché riteniamo più importante la salute e la sicurezza dei milanesi.