NO agli alberi in C.so Buenos Aires

In occasione della seduta del Consiglio di Zona di lunedì 7 maggio 2012 è stata finalmente messa ai voti e bocciata dalla maggioranza di sinistra la mozione che chiedeva al Sindaco di abbellire c.so Buenos Aires attraverso la posa di alberature o altro verde a basso fusto.

La mozione, che giaceva indiscussa dal 1 dicembre scorso, chiedeva al Sindaco e all’Assessore Maran di adoperarsi al fine di arricchiere c.so Buenos Aires con la posa di alberature sul modello di quanto già fatto dalla precedenti Amministrazioni Albertini con le riqualificazioni di piazza Argentina e piazza Lima.
Prima degli anni Sessanta, quando fu realizzata la tratta della metropolitana, il Corso disponeva di due filari alberati. Nel corso degli ultimi in anni, in concomitanza con le diverse ipotesi di riqualificazione, si è periodicamente ma costantemente riaffaciata la possibilità che nella principale via del commercio di Milano potessero ricomparire gli alberi o per lo meno qualcosa che servisse a dare un impronta più “verde”. I Sindaci Albertini e Moratti nel corso dei loro mandati aumentarono di più del 100% il verde urbano ma entrambi non seppero insistere nel caso di c.so Buenos Aires. Coloro che osteggiavano per ragioni politiche le Giunte di centrodestra attribuirono il mancato intervento ad una sorta di soggezione nei confronti del mondo del commercio, considerato ostile nei confronti della presenza di qualunque cosa possa ostacolare la visione delle insegne dei negozi. In realtà così non è in quanto il mondo del commercio è variegato e i pareri sono ed erano differenti, ma comunque questa era la vulgata del tempo.

Da sempre favorevole alla piantumazione di alcune alberature, come ebbi modo di dire pubblicamente più volte anche all’ex Assessore Simini, ho deciso di ripresentare la mia richiesta in Consiglio di Zona convinto che avrei trovato la nuova maggiornaza più sensibile su questa tematica. Il 1 dicembre presentai quindi la mozione rimasta per mesi non considerata. il 7 maggio finalmente il documento va ai voti (ben 5 mesi dopo la presentazione!) e viene respinto. Contrari tutti i consigliei dei partiti di sinistra più l’esponente dell’UDC.
L’aspetto più incredibile della vicenda è legato al fatto che tra i contrari troviamo anche una consigliere dei Verdi (Mariolina De Luca) e un ex Verde ora passato con Milly Moratti (Michele Sacerdoti, già candidato Sindaco alle Primarie del controsinistra). Due persone che si sono sempre contraddistinte per il richiamo ai valori dell’ecologia e della sostenibilità, ma forse i tempi delle “gloriose” battaglie sono terminati quando hanno smesso gli abiti da oppositori per indossare quelli da governanti.

La battaglia comunque, per quanto mi riguarda, non finisce e spero vivamente che l’Amministrazione abbia il coraggio portare a termine il processo di riqualificazione di Corso Buenos Aires iniziato da Albertini  e per il momento conclusosi con la riqualificazione dei marciapiedi voluta dalla Moratti.

Elenco Consiglieri che hanno votato contro il verde in c.so Buenos Aires:

Antola Caterina (PD)
Basciano Carla (Sel – Vendola)
Benvenuto Titti (Rifondazione Comunista)
Casati Vincenzo (PD)
De Luca Cardillo Maria Grazia (Verdi)
Filice Paola (PD)
Fossati Cinzia (PD)
Lazzarotti Andrea (SEL – Vendola)
Loi Martina (Lista Bonino – Radicali)
Mariani Gabriele (PD)
Morosi Silvia (PD)
Mussi Irven (PD)
Muzio Adalberto (PD)
Naso Alessandra (IDV – Di Pietro)
Rosco Giuseppina (PD)
Rositano Massimiliano (UDC)
Rossin Sara (PD)
Rovelli Pierangelo (PD)
Sacerdoti Michele (Lista Milly Moratti)
Sacristani Renato (Rifondazione Comunista)
Zerbinati Giorgio (PD)

Clicca qui per visualizzare il testo della mozione e la tabella ufficiale di votazione con tutti i nomi dei consiglieri e il loro voto