In arrivo lo sportello per gli stranieri, pagano i milanesi

Il Consiglio di Zona si appresta ad aprire un nuovo sportello di ascolto ed aiuto ai cittadini presso gli uffici di via Sansovino 9 (dopo quelli sul lavoro precario e sul gioco compulsivo).
In occasione della seduta di Consiglio del 19 aprile è stata approvata la programmazione della Commissione Politiche Sociali presieduta dalla consigliera Alessandra Naso (Italia dei Valori). Tra le varie iniziative anche quella dell’apertura di uno “Sportello di ascolto, consulenza e orientamento per la popolazione immigrata”.

L’iniziativa consiste in in un servizio che gratuitamente fornirà agli stranieri, non solo di Milano, consulenze in tema di:
- ricongiungimenti familiari
- invito e visto turistico
- richiesta/rinnovo del permesso, carta e contratto di soggiorno
- regolarizzazione (coesione, decreto flussi, richiesta di asilo politico, art.31)
- cittadinanza
- verifica pratiche giacenti
- richiesta lavoro

Lo sportello, che sarà attivo sperimentalmente fino a dicembre 2012, sarà affidato all’Associazione CAD-onlus (Centro Accoglienza Dipendenze e Disagio Sociale). L’Associuazione effettuerà il servizio gratuitamente in quanto, come dalla stessa dichiarato in occasione di una seduta di Commissione, utilizzeranno le risorse economiche ricevute grazie ad un bando regionale per un altro servizio a favore degli immigrati.

Tutta un’altra storia invece per il 2013.
L’Associazione ha infatti consegnato una scheda relativa al progetto dello sportello con indicati i costi relativi ad un’eventuale proseguimento dell’attività nel 2013 ed ecco una strana coincidenza…
Il preventivo, relativo a 276 ore di servizio ripartite in 46 settimane, è di 5903 euro.  Cifra che, guarda caso, è inferiore di poche decine di euro all’importo limite oltre il quale diventa obbligatorio effettuare un bando di gara (la cifra limite conpresa di iva è infatti di 6252,76 euro).
Accortomi di quella che potrebbe essere una coincidenza o forse una furbizia per agevolare l’associazione nell’ottenimento dell’incarico il prossimo anno, ho presentato un emendamento al testo proposto dalla Maggioranza in cui chiedevo di prevedere che in caso di proroga dello sportello nel 2013 si dovesse individuare l’ente affidatario attraverso un bando che garantisse il servizio migliore al costo minore. L’emendamento è stato bocciato confermando in questo modo il sospetto che si voglia avvantaggiare l’Associazione CAD. Ho quindi di votare contro l’istituzione dello sportello per il motivo illustrato e anche per il fatto che ritengo sbagliato aprire un servizio che non sia rivolto alla totalità dei cittadini.

L’istituzione dello sportello è stata comunque approvata grazie al voto compatto dei consiglieri della Maggioranza a cui si sono aggiunti quelli di due consiglieri PdL: Pietro Bissolati e Francesco Migliarese. Hanno votato contro gli altri consiglieri PdL presenti, la consigliera Cosenza del Nuovo Polo e la Consigliera Re del Movimento 5 Stelle. Astenuto il consigliere dell’UDC.

Al seguente link la tabella di votazione ufficiale con tutte le espressioni di voto dei consiglieri in merito all’istituzione dello sportello immigrati.