Soldi per la festa rom, azzerati i fondi alle corali parrocchiali

Per la prima volta il Consiglio di Zona 3 decide di cancellare il finanziamento ai concerti natalizi curati dalle corali parrocchiali con la scusa della mancanza di disponibilità economiche.
Si tratta dell’iniziativa coordinata dall’Associazione “Amici Dai Nostri Quartieri” che opera sul territorio anche attraverso la realizzazione di un giornalino zonale che viene distribuito sul territorio a partire dalle Parrocchie. Ogni anno vengono poposti in tre parrocchie, una per ciascuno dei tre Decanati presenti in Zona 3, concerti curati da cittadini appassionati di musica e coordinati da maestri diplomati. Un’iniziativa che, nel ruolo di Presidente di Commissione, ebbi modo di far divenire un evento caratterizzante della proposta culturale e aggregativa per l’importante significato legato alla partecipazione viva del territorio. Questi concerti sono anche il modo per sostenere e dare la giusta considerazioni alle corali impegnate tutto l’anno con la propria attività.

Quest’anno i concerti si sono tenuti ugualmente nonostante la maggioranza di sinistra non abbia dato nessun finanziamento. Di soldi il Consiglio di Zona ne aveva, anche se meno dello scorso anno, come dimostra il fatto che altre iniziative sono state finanziate. Tra queste ricordo il pranzo destinato ai rumeni presso il Centro Pia Marta voluto dalla Comunità di Sant Egidio. Un’iniziativa dal contenuto fortemente politico in quanto rivolta ad alcune famiglie rom che in passato furono sgomberate dall’Amministrazione Moratti dalle aree comunali che occupavano abusivamente nella zona del Rubattino, come confermato in aula dalla consigliera Silvia Morosi del Pd.
Oggi Il Giornale riporta le mie dichiarazioni.
Tanti auguri dal Consiglio di Zona 3 e dal suo Presidente Sacristani (liberamente interpretato per l’occasione).